Oxford: soluzioni sostenibili in quercia rossa americana

Rycotewood Furniture dell’Oxford College, uno dei più importanti programmi di design del Regno Unito, ha collaborato con American Hardwood Export Council (Ahec) per produrre una serie di mobili contenitori in quercia rossa americana.

Il progetto è stato originariamente concepito per introdurre e far scoprire agli studenti la quercia rossa americana come nuovo materiale. Ahec ha donato due piedi cubici di quercia rossa americana per studente e chiesto a dieci studenti del secondo anno un brief per soluzioni di storage, usando questo materiale versatile. Agli studenti è stato richiesto di utilizzare questo materiale nel modo più efficiente e creativo possibile, sfruttando al meglio le sue caratteristiche naturali. Sono stati anche invitati a tracciare tutto il materiale e l’energia utilizzati in modo che l’impatto ambientale di ciascun pezzo possa essere calcolato utilizzando il Life Cycle Assessment.

Il famoso designer e maker inglese, Philip Koomen, ha supervisionato il progetto e ha fatto da tutor agli studenti. In aggiunta al brief, Koomen ha chiesto agli studenti di lasciarsi ispirare da artisti, scultori o architetti per il loro lavoro.

Tom Morgan ha creato un coloratissimo cabinet per le scarpe influenzato dal suo background da calzolaio. Inizialmente ispirato dal lavoro di Richard Diacono, Tom ha iniziato il suo processo creativo scomponendo il rivestimento di quercia rossa americana in minuscole strisce. Le strisce sottili, tinte di vari colori, sono state intelaiate per creare uno schermo avvolto nella cornice di legno massiccio con cinque piani all’interno. A Farrell Livingstone piace creare forme innaturali con materiali naturali. Nel suo progetto, in particolare ha cercato di combinare forme ispirate all’aviazione e all’architettura industriale, come il Design Museum di Barcellona, ​​con la natura. Il risultato finale è un tavolino con giardino giapponese estraibile.

Andrew Joye ha progettato la scrivania “Oat & Oak” con copertura scultorea realizzata con strisce curvate a vapore in quercia rossa americana. La struttura della scrivania è in quercia massiccia mentre il desktop è in sughero naturale. La paglia di avena tessuta, proveniente da una fattoria nelle isole Orkney, è stata utilizzata per i cassetti e il fronte del cabinet, ispirato alla sedia Orkney e a un cabinet realizzato da Gareth Neal in collaborazione con Kevin Gauld.

La “scrivania biofilica” di David Howston si distingue per i cassetti a vista e i tre vasi in rame per piante integrati nel piano di lavoro in quercia rossa americana. Il progetto trae ispirazione dalla teoria secondo cui le piante incoraggiano il pensiero creativo sul posto di lavoro. Prendersi cura delle piante fa in modo che ci si prenda cura anche della scrivania, e quindi è meno probabile che venga lasciata in disordine.

Daisy Brunsdon si è concentrata sull’aspetto social del progetto. Il suo cabinet di registrazione si è ispirato a come la sua famiglia si è riunita intorno a un giradischi che sua madre aveva trovato. L’arco del cabinet si ispira all’architettura di Oxford. La quercia rossa americana è stata finita con sapone per mostrare il suo aspetto naturale. I cassetti a muro di Marcin Waszak sono ispirati alle forme organiche, ondulate e spesso strane, tipiche dell’architettura di Frank Ghery, in particolare all’Hotel Marques de Riscal in Sp agna. Il processo di progettazione è stato laborioso in quanto ogni pezzo di quercia rossa è stato impregnato prima di essere piegato con il vapore.

Michael Buick ha sviluppato una serie di scaffali ispirati al minimalismo giapponese e all’antica tecnica delle giunzioni di legno ancorate. Gli scaffali sono in quercia rossa americana, i perni sono in frassino e i pioli in quercia europea. La serie è stata progettata per essere facilmente trasportabile, ideale per coloro che abitano in un appartamento in affitto o che probabilmente si trasferiscono spesso. Ogni pezzo parte imballato smontato e, una volta montato, può essere facilmente smontato se necessario. Darren Scott ha voluto esplorare il design dal punto di vista di un architetto e ha creato un cabinet che è una vetrina di materiali. Oltre alla quercia rossa, l’ardesia e la carta washi, spesso usate nell’architettura giapponese, sono state utilizzate anche per creare un gioco di luci e ombre.

Emily Taylor è stata influenzata dal lavoro dell’artista della ceramica Richard Slee che si ispira agli oggetti di tutti i giorni. Gli scaffali di Emily hanno adottato la forma di un cavalletto, con un cabinet con tendine alla base. Emily ha scelto il grigio per le tende in modo da far risaltare i toni freddi della quercia rossa. Freddie Jackson ha progettato un cabinet per il vino con molti cassetti, realizzato per una casa di circa 400 anni. Freddie voleva che il pezzo di design si inserisse agevolmente all’interno della casa, prendendo ispirazione dagli arredi esistenti. Il colore della quercia rossa conferisce al design un tocco tradizionale, mentre le curve di questo progetto sono abbastanza contemporanee.

David Venables, direttore europeo di Ahec, afferma: “Abbiamo visto in questa occasione una grande opportunità per offrire ad alcuni studenti talentuosi la possibilità di sperimentare un materiale sostenibile di grande impatto, ma sottoutilizzato, e insegnare loro come calcolare l’impatto ambientale dei pezzi di design che hanno creato”.

La quercia rossa americana – continua David – rappresenta quasi il 20 per cento delle foreste di latifoglie naturali degli Stati Uniti e il suo volume è più che raddoppiato negli ultimi 50 anni. Tuttavia, questo legno bellissimo, molto considerato in altri mercati, rimane poco utilizzato in Europa. Questa iniziativa rientra nell’impegno di Ahec  a incoraggiare i designer e i maker europei a utilizzare tutte le specie fornite dalla natura, e non solo le poche utilizzate in base ai trend di moda, per contribuire a un uso sostenibile delle foreste”.

La quercia rossa è la specie dominante nelle foreste di latifoglia americane con un grano distintivo e un legno che non sempre è di colore rosso. Il nome si suppone sia dovuto al colore delle foglie in autunno. Le piante di quercia rossa crescono naturalmente solo in Nord America, anche se piantate altrove. I dati del Forest Inventory Analysis (Fia) mostrano che il raccolto di quercia rossa è pari al 18,7 per cento del totale dei legni di latifoglie statunitensi e che, mentre vengono raccolti 33,9 milioni di m3 di quercia rossa americana all’ anno, oltre 32 milioni di m3 crescono naturalmente nello stesso periodo. In generale, l’alburno delle querce rosse è marrone chiaro e il durame varia spesso da rosato a marrone rossastro. Le querce rosse americane hanno proprietà di resistenza generale molto buone rispetto al peso. I suoi usi principali sono per arredi, pavimenti, porte e alcune costruzioni.

Nella foto, da sinistra a destra: scrivania di David Howson, scaffalature di Michael Buick e armadio di Tom Morgan.

 

Oxford: soluzioni sostenibili in quercia rossa americana ultima modifica: 2018-07-20T12:24:19+00:00 da Rossana