Egger, risultati positivi nel primo semestre di esercizio

Il gruppo austriaco Egger ha potuto sfruttare a proprio vantaggio la situazione economica generale durante la prima metà dell’esercizio 2018-2019  che si è chiuso (al 31 ottobre 2018) con un fatturato consolidato di 1,43 miliardi di euro e un Ebitda di 231,4 milioni di euro. Anche le prospettive per il secondo semestre sembrano essere ottimistiche.
Negli ultimi sei mesi siamo stati in grado di sfruttare la situazione economica generale positiva a nostro vantaggio. Abbiamo sfruttato le capacità dei nostri 18 moderni impianti e raggiunto questi soddisfacenti risultati insieme ai nostri 9.600 dipendenti “, afferma Thomas Leissing, responsabile delle finanze/amministrazione/logistica e portavoce di Egger Group.

Il maggior incremento del fatturato, con il 76,5 per cento è stato registrato da Egger nel segmento dei prodotti per arredamento e interni (Egger Decorative Products). Le vendite in questo segmento sono cresciute in tutti i mercati rilevanti rispetto all’anno precedente e hanno raggiunto un totale di 1.222,6 milioni di euro (più 3,8 per cento). Per quanto riguarda i pavimenti la situazione del mercato rimane difficile in tutta Europa. Tuttavia, i volumi provenienti dall’impianto di Gagarin (Russia) sono aumentati, in particolare sul mercato russo. Le vendite della divisione sono aumentate a 225,3 milioni di euro (4,7 per cento), il che corrisponde al 14,1 per cento del fatturato totale. Egger riporta per la prima volta nel proprio bilancio semestrale il segmento di nuova creazione “Altri”, che include anche la segheria di Brilon (Germania) e lo stabilimento argentino di Concordia acquisito nel 2017. Questo segmento ha un fatturato di 151,1 milioni di euro e contribuisce per il 9,4 per cento al fatturato del Gruppo.

Negli ultimi mesi, Egger ha proseguito la crescita dei propri investimenti in quasi tutti gli stabilimenti, in particolare nel 19° stabilimento Egger a Biskupiec, in Polonia. “Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo costruito lì il più moderno impianto di materiali in legno in Europa. I lavori di costruzione e montaggio sono ora in gran parte completati. Speriamo di poter avviare la produzione nelle prossime settimane “, afferma Walter Schiegl, responsabile tecnico/produzione di Egger. D’altra parte, Egger è ancora solo all’inizio della costruzione di Lexington, nel Nord Carolina (Usa). La cerimonia della posa della prima pietra per gli impianti di produzione di questo progetto “greenfield” è avvenuta all’inizio di novembre.
Nei primi sei mesi dell’esercizio 2018-19 sono stati effettuati investimenti per 242,9 milioni di euro (anno precedente: 264,4 milioni di euro). 40,4 milioni di euro (anno precedente: 36,3 milioni di euro) sono stati spesi per investimenti di manutenzione e 202,5 ​​milioni di euro (anno precedente: 228,1 milioni di euro) per investimenti di crescita, comprese le acquisizioni. Anche il numero di dipendenti cresce con gli investimenti: al 31.10.2018, Egger contava 9.617 dipendenti (media annuale: 9.422, più 10,4 per cento rispetto all’anno precedente).
Per il secondo semestre Egger prevede uno sviluppo stabile in tutti i mercati europei e in Russia. Le prospettive per il segmento di prodotto più ampio, Mobili e Interior Design, sono stabili in tutte le località. Ulrich Bühler, responsabile vendite/marketing del Gruppo, ritiene che la sfida per Egger sarà il mercato ancora relativamente nuovo in Sud America: “In primo luogo l’alto livello di inflazione e la caduta valutaria del Peso argentino saranno impegnativi. Il nostro obiettivo al riguardo è di espandere le vendite finora limitate a livello regionale di questa località ad altre regioni del Nord e del Sud America. Siamo felici di aver potuto integrare completamente il nostro nuovo impianto Concordia in tutti i processi del Gruppo“.
Per il segmento delle pavimentazioni, Egger conta che nell’Europa occidentale vi sarà un’evoluzione da stabile a leggermente al rialzo rispetto alla concorrenza. Si prevede un aumento dei pavimenti in laminato in Russia e nei Paesi limitrofi. Nel mercato Osb, la situazione della domanda, recentemente molto positiva, si assesterà nuovamente a livello stagionale, ma anche la domanda di prodotti per l’edilizia manterrà un buon livello nel 2019.

 

Egger, risultati positivi nel primo semestre di esercizio ultima modifica: 2019-01-07T11:45:01+00:00 da Rossana