Industria forestale europea unita per economia “green”

Nel 2018 la Commissione Europea ha presentato la sua vision “A Clean Planet for All” (Un pianeta pulito per tutti), una strategia a lungo termine che punta a creare entro il 2050 un’economia prospera, moderna, competitiva e senza impatto sul clima. Nel 2019 l’agenda per l’Europa di Ursula von der Leyen ha promosso l’”European Green Deal”, destinato a diventare la prima Legge europea sul clima per dare forma legislativa all’obiettivo di zero emissioni entro il 2050.

In risposta a questa agenda ambiziosa, la Confederazione europea delle industrie della lavorazione del legno (Cei-Bois), la Confederazione delle Industrie Europee della Carta (Cepi), la Federazione Europea dei Pannelli (Epf), la Confederazione delle industrie europee dei mobili (Efic), Bioenergy Europe e la piattaforma tecnologica del settore forestale Ftp si sono riunite per presentare la loro visione al 2050 e confermare il loro contributo fondamentale all’obiettivo di emissioni zero.

Le industrie forestali europee svolgono un ruolo importante per il consolidamento di una bioeconomia circolare a basso tasso di anidride carbonica, in quanto promotrici di un ecosistema industriale “smart” nel quale materiali, prodotti secondari e residui vengono commercializzati su tutte le componenti della catena del valore, per garantire lo sfruttamento più efficiente delle risorse, incluso riutilizzo e riciclo.Di conseguenza, la mitigazione dei cambiamenti climatici produce un impatto su tutto il sistema, assicurando nel contempo benefici alla società.

Per realizzare questa visione le industrie forestali hanno individuato cinque obiettivi ambiziosi per arrivare a un’economia sostenibile e inclusiva senza impatto sul clima:  

  • decarbonizzare l’Europa entro il 2050 sostituendo materie prime critiche o ricche di CO2 e combustibili fossili con alternative di origine forestale
  • eliminare gli sprechi nell’economia circolare chiudendo i cicli dei materiali con un obiettivo per il settore di almeno il 90 per cento di raccolta e il 70 per cento di riciclo
  • aumentare l’efficienza delle risorse nella catena del valore delle industrie forestali attraverso l’incremento di produttività in tutte le aree (materie prime, produzione e logistica)
  • soddisfare la domanda crescente di materie prime sfruttando al massimo nuovi flussi secondari e garantendo forniture di materie prime primarie da foreste a gestione sostenibile
  • soddisfare la domanda crescente di prodotti rispettosi del clima aumentando l’uso di prodotti di legno e a base legno nella vita quotidiana.

Il settore punta a diventare il fornitore più competitivo e sostenibile di soluzioni con un bilancio netto di “zero carbonio”, attraverso ricerca e innovazione, tecnologie rivoluzionarie e potenziamento del riciclo e del riutilizzo.

 

 

Industria forestale europea unita per economia “green” ultima modifica: 2019-12-06T08:09:46+00:00 da Rossana